L’accusa: “l’Oms sugli aborti segue le direttive dell’International Planned Parenthood Federation”


 

La presidente del Ruth Institute americano, la dottoressa Jennifer Roback Morse plaude alla decisione del presidente Trump di smettere di finanziare l’Organizzazione mondiale della sanità, che aveva ricevuto 450 milioni di dollari all’anno dagli Stati Uniti.

Morse ha osservato che il Presidente ha citato la grave cattiva gestione dell’OMS dell’epidemia di coronavirus e la sottomissione alla Cina. “Ma l’OMS è anche un sostenitore dell’aborto”, ha detto la Morse. “L’OMS tratta l’aborto come un servizio sanitario necessario. Pertanto, considera le restrizioni all’aborto come una negazione dell’assistenza sanitaria”.

In una pubblicazione del 2012, l’OMS aveva dichiarato che 22 milioni di aborti venivano eseguiti in tutto il mondo ogni anno in “condizioni non sicure”, a causa di essi sono morti in 47 mila e 5 milioni sono stati coloro che sono rimasti disabili. L’organizzazione ha affermato: “L’accesso all’aborto elettivo sicuro all’inizio della gravidanza potrebbe prevenire quasi tutti questi decessi e casi di disabilità”.

Oggi la Morse, ricordando queste affermazioni, ha accusato: “La mentalità dell’OMS riflette perfettamente la mentalità dell’aborto, che a sua volta è un altro aspetto della Rivoluzione sessuale. L’aborto non è mai sicuro per il nascituro. Nel suo calcolo, l’OMS non ne tiene nemmeno conto. Per esso, il nascituro è una nullità – una cosa non degna di considerazione”. Ha aggiunto la Morse: “In America, l’aborto” sicuro “ha portato all’infanticidio, permettendo al bambino di morire dopo il parto, e alla vendita di parti del corpo fetale”.

L’OMS è implacabile nel spingere per l’aborto. Nell’ultima riunione dell’Assemblea mondiale della sanità (organo di governo dell’OMS), l’amministrazione Trump è stata costretta a dissociare gli Stati Uniti da un progetto che promuoveva l’aborto come “salute sessuale e riproduttiva” e come “un diritto umano”. La delegazione degli Stati Uniti ha risposto: “Non supportiamo l’aborto nella nostra assistenza sanitaria globale”.

La dottoressa Morse ha osservato: “Se l’OMS segue la linea del partito cinese su COVID-19, segue la linea del partito dell’International Planned Parenthood Federation sull’aborto. Sicuramente ci sono finanziamenti federali più meritevoli di ottenere 450 milioni di dollari all’anno rispetto ad un’organizzazione che tratta l’aborto come assistenza sanitaria”.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments