Sette milioni di bimbe concepite saranno abortite entro il 2030


In India circa sette milioni di bambine concepite saranno abortite entro il 2030 semplicemente perché sono ragazze.

Secondo una ricerca degli accademici della King Abdullah University of Science and Technology in Arabia Saudita, tra il 2017 e il 2030 in India nasceranno circa 7 milioni di ragazze in meno a causa dell’aborto selettivo per sesso.

Per la precisione le bambine che saranno uccise ammonteranno a 6,8 milioni.

Michael Robinson, direttore delle comunicazioni dell’università ha spiegato che le ragazze scomparse “sono il risultato dell’aborto discriminatorio selettivo per il sesso, molto comune in paesi come l’India, dove l’aborto viene utilizzato come strumento per eliminare e uccidere la popolazione femminile”.

Nonostante l’India abbia reso illegale l’aborto selettivo per sesso già dal 1994, la pratica di uccidere le femmine non ancora nate rimane comune, perché una bambina è considerata un onere finanziario o culturale mentre è preferito un figlio maschio.

Dagli anni ’70 l’India ha subito gravi distorsioni demografiche legate al sesso (ci sono molti più uomini adulti che donne). Dallo studio, pubblicato all’inizio di questa settimana, è emerso che “le famiglie in cui nasce un bambino hanno maggiori probabilità di smettere di avere figli rispetto alle famiglie in cui nasce una bambina” e che attualmente in India ci sono 21 milioni di ragazze non sono desiderate dalle loro famiglie.

 

Angelica La Rosa


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments