La bioeticista Bovassi: “non si può parlare di libertà senza responsabilità”


“OGNI INDIVIDUO HA DIRITTO ALLA VITA, ALLA LIBERTÀ ED ALLA SICUREZZA DELLA PROPRIA PERSONA”. LA PROFESSORESSA GIULIA BOVASSI SPIEGA IN CHE SENSO.

***

A cura di Andrea Sarra

Per la Giornata mondiale dei diritti umani, che ricorda la proclamazione da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite della Dichiarazione universale dei diritti umani (il 10 dicembre 1948), Informazione Cattolica ha chiesto alla bioeticista Giulia Bovassi una riflessione sull’articolo 3: “Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà ed alla sicurezza della propria persona”.

Giulia Bovassi, classe 1991, studi filosofici presso l’Università degli Studi di Padova, licenza in Bioetica e perfezionamento in “Neurobioetica e Transumanesimo” presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (APRA), è una giovanissima ed apprezzata bioeticista.

Dopo un master in Consulenza Filosofica e Antropologia Esistenziale conseguito presso l’Università Europea di Roma e l’APRA, attualmente Giulia Bovassi è research scholar della Cattedra Unesco in “Bioetica e Diritti Umani”. Ha ricevuto notevoli consensi la sua “Guida bioetica per terrestri. Da Fulton Sheen al cybersesso”, edito da Berica Editrice.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments