Ecco chi è stato Anton Neuwirth, sopravvissuto alle crudeltà del XX secolo


È SOPRAVVISSUTO ALLE CRUDELTÀ DI NAZISMO, FASCISMO, COMUNISMO E LIBERALISMO. LA SUA VITA SAREBBE UN BUON SOGGETTO PER UN FILM. E’ STATO IL PRIMO AMBASCIATORE DELLA REPUBBLICA SLOVACCA PRESSO LA SANTA SEDE

Di Jozef Mikloško*

Sono orgoglioso che Anton Neuwirth sia stato un mio buon amico.

Viveva a Svätý Jur, a Neštich, lo accompagnavo spesso a casa, dove il caldo non lo aspettava.

Era un eccellente medico, un devoto cattolico, uno studioso versatile, un attivista pro vita, un politico e un diplomatico che parlava sette lingue.

È sopravvissuto alle crudeltà del difficile XX secolo: nazismo, fascismo, comunismo e liberalismo. La sua vita sarebbe un buon soggetto per un film.

Da studente del collegio cattolico di Svorady, è stato membro della cerchia di Pier Giorgi Frassati, uno studente universitario cattolico italiano e ora beato.

Era anche membro del movimento Famiglia, fondato in Slovacchia nel 1943 dal sacerdote croato Tomislav Kolakovič. Il loro principale orientamento era la conversione della Russia.

La Slovacchia deve tanto del suo orientamento cattolico nel dopoguerra, la promozione degli insegnamenti sociali della Chiesa, a cristiani come Anton Neuwirth, František Sýkora, Vladimír Jukl, Silvester Krčméry e altri.

Jukl e Krčméry sono stati i fondatori dell’istituto secolare Fatima. Successivamente, insieme a František Miklošek e al cardinale Jozef Korc, furono le figure di spicco della chiesa sotterranea, l’unica forza che non aveva paura di combattere il comunismo.

Anton Neuwirth era un uomo che aveva uno sguardo amorevole agli eventi. Lui e sua moglie Eva, morta nel 1995, hanno avuto quattro figli, discendenti che sono diventati tutti medici. La primogenita Anna Záborská è stata tre volte membro del Parlamento europeo nelle file del KDH.

Anton Neuwirth è stato coinvolto nell’Azione Cattolica da Papa Pio XI. a favore di una maggiore partecipazione dei laici all’apostolato.

La Sicurezza di Stato (ŠtB) ha “elogiato” questa attività arrestandolo il 30 novembre 1953, indagando spietatamente su di lui e condannandolo a 12 anni di carcere per tradimento e spionaggio “a favore del Vaticano”.

Dopo più di sei anni di carcere, dove ha lavorato come infermiere, è stato rilasciato in seguito ad un’amnistia del 1960.

Sua madre era cattolica e suo padre era un ebreo, che in seguito si convertì alla fede cattolica. Dodici membri della sua famiglia sono morti ad Auschwitz. Il padre e il figlio Anton furono salvati dalla rinuncia presidenziale del 27 marzo 1942.

Nel 1947, Anton Neuwirth ricevette una borsa di studio a Zurigo dal premio Nobel Paul Karrer. Dopo il colpo di stato del febbraio 1948, tornò in patria. Dopo il 1989, ho incontrato Anton Neuwirth alla Prima Assemblea del KDH. Era il 17 febbraio 1990. Eravamo membri del Consiglio KDH, membri del Consiglio nazionale slovacco e abbiamo parlato varie volte.

Anton Neuwirth ha viaggiato spesso all’estero per eventi democristiani in Austria, Germania e Italia. Era il presidente dell’Unione pan-europea della Slovacchia e della Confederazione dei prigionieri politici. Era una grande organizzazione, perché sotto il socialismo ci sono stati 70.000 processi politici in Slovacchia, e molti per l’attività religiosa. I detenuti hanno perso gli anni migliori della loro vita e non è mai successo niente a investigatori, membri della Sicurezza di Stato e giudici.

Né Anton Neuwirth né i deputati del KDH hanno votato a favore del testo della Costituzione della Repubblica slovacca nel 1992, che non ha osato limitare gli aborti legali. Nel 1993 è diventato presidente onorario del KDH e si è candidato alla presidenza del paese. E’ stato eletto in parlamento ma gli mancarono pochi voti per avanzare al secondo turno presidenziale.

Il suo discorso inaugurale, il 26 gennaio 1993, era il programma ideologico del KDH. La candidatura di Anton Neuwirth durante il regno di Vladimír Mečiar ha mostrato come avrebbe dovuto essere il futuro presidente!

Nel 1994, il governo di nove mesi di Jozef Moravčík, sostituito da Vladimír Mečiar, lo ha nominato primo ambasciatore della Repubblica slovacca presso la Santa Sede, sebbene il primo ministro Mečiar abbia respinto la prima proposta del genere.

Anton Neuwirth è arrivato a Roma il 1° luglio 1994. Nella cosiddetta Giornata slovacca del 17 dicembre 1994, a cui ho partecipato, la Slovacchia è stato il primo paese dell’Est a consegnare un dono al Papa: un albero di Natale per la piazza di San Pietro.

Durante il suo mandato in Vaticano, Anton Neuwirth divenne un noto diplomatico e oratore. Ha ravvivato le nostre relazioni reciproche. Papa Giovanni Paolo II lo conosceva personalmente, lo chiamava amico e gli voleva molto bene.

Il cardinale Jozef Tomko, che ha celebrato per lui la Santa Messa lo scorso 22 gennaio 2021, ha detto che Neuwirth ha contribuito molto per i proficui rapporti tra Slovacchia e Santa Sede.

Durante il suo terzo governo, il 19 aprile 1996, Vladimír Mečiar lo ha chiamato a casa per “consultazioni”. Questa “punizione” è durata fino al 15 febbraio 1997, quando è stato rimandato indietro su pressioni del Vaticano, dove è stato difeso anche da ambasciatori di altri paesi.

In quell’anno ha avuto anche un grave intervento al cuore. Durante la sua permanenza a Bratislava preparò una relazione sul suo lavoro in Vaticano e la usò anche per preparare un progetto di Trattato fondamentale tra la Repubblica slovacca e la Santa Sede: sull’insegnamento della religione nelle scuole, sul lavoro del clero nelle forze armate, sul finanziamento della chiesa e sull’obiezione di coscienza.

Nel 1998 ho partecipato alla cerimonia di celebrazione presso l’Università di Trnava, dove, in qualità di vicerettore, ho conferito il titolo onorifico di dottorato ad Anton Neuwirth e al cardinale Franz König.

Il discorso di Neuwirth, che riguardava anche la difesa della vita umana, è stato eccellente. Ecco perché l’associazione civica Forum of Life di Rajecká Lesná assegna regolarmente il Premio Anton Neuwirth a persone e organizzazioni importanti.

Ho incontrato spesso Anton Neuwirth. L’ho visitato a Roma quando era ambasciatore presso la Santa Sede, e mi ha fatto visita quando ero ambasciatore in Italia nel 2000-2005. L’ultima volta che mi ha fatto visita, a Roma, era l’11 maggio 2004, dopo che la Slovacchia è stata ammessa nell’Unione Europea. Avevamo discusso della recente adesione all’UE e criticato il Trattato costituzionale europeo che non includeva un preambolo relativo alle radici cristiane dell’Europa.

Anton Neuwirth aveva ragione quando prevedeva lo sviluppo non cristiano dell’Europa. Ha rifiutato che l’UE fosse un superstato e ha sostenuto che l’UE non era solo un mercato comune, di posti di lavoro e finanze, ma doveva essere anche un luogo per i valori spirituali, culturali e morali del Cristianesimo. Neuwirth ha criticato la selvaggia privatizzazione, specialmente di persone preselezionate, e i problemi legati alla restituzione dei beni ecclesiastici…

Anton Neuwirth si è descritto come un uomo in piedi su un ponte, che si avvicinava alle persone su entrambe le sponde opposte. Ha usato questa immagine quando ha parlato del suo rapporto con gli ebrei e delle sue opinioni sullo stato slovacco. Pochi hanno osato dire pubblicamente su questo argomento quello che ha detto e fatto lui. Naturalmente, ha onorato coloro che avevano un’opinione diversa. Ha sottolineato che non dovremmo capitolare in nessuna situazione. Gli piaceva anche menzionare la rivoluzione gentile, “che si è svolta senza violenza secondo i principi cristiani”. Le persone dovevano occupare posizioni elevate in base alle loro capacità e al loro carattere, non perché erano leader di partito. “Anche se eravamo ingenui e spesso le persone cresciute dal socialismo non ci capivano, ne è valsa la pena”.

Nel 2001, Anton Neuwirth, con Rudolf Lesňák, ha scritto il libro Healing Evil with Love. È il suo messaggio chiave da cui la Slovacchia si allontana: “Il male va trattato con amore. Il futuro della Slovacchia è nel perdono, nell’amore e nella riconciliazione, nell’apertura di una relazione d’amore con coloro che ci hanno ferito. Non cadiamo nel peccato di lamentela”.

Di Anton Neuwirth bisogna ricordare l’opera a favore della conversione della Russia, con gli sforzi del vescovo Hnilica e del collegio pontificio Russicum a Roma. Gli piaceva menzionare gli incontri dei politici cattolici a Brno, che continuano due volte l’anno fino ad ora.

Anton Neuwirth è stato attivo fino ai suoi ultimi giorni. È morto il 21 settembre 2004 a Bojnice, pochi giorni dopo il ritorno da Strasburgo, dove aveva fatto visita alla figlia europarlamentare Anna.

Per concludere vorrei ora menzionare alcuni degli aforismi non convenzionali di Neuwirth:

– La sofferenza da cui non nasce l’amore non ha senso.

– Il comunismo era disumano e malvagio. Pertanto, gli slovacchi consideravano buono tutto ciò che era contrario, e fin dall’inizio anche il fascismo italiano, a ciò che sembrava cristiano.

– Non si dovrebbe avere il diritto di possedere azioni in cui non si ha la propria parte di lavoro.

– Un medico, un giudice, un insegnante, un soldato, un poliziotto non possono agire contro la loro coscienza.

– Ogni referendum richiede una conoscenza affidabile della situazione, il che di solito non è.

– Non è stato positivo non essere passati direttamente all’economia sociale di mercato dopo il 1989, ma attraverso il capitalismo duro, che ha causato molti problemi.

– Non dovremmo tenere la verità per noi stessi, ma dobbiamo anche condividerla con le persone che ci circondano.

 

* Già vicepremier dell’allora Cecoslovacchia

 

Nella foto: a sinistra l’autore dell’articolo Jozef Mikloško, a destra Anton Neuwirth


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments