La dottoressa Morse: “orientamento sessuale e identità di genere non sono innati”


LA “PROVOCAZIONE” DEL RUTH INSTITUTE: MEMORANDUM SU ORIENTAMENTO SESSUALE E IDENTITÀ DI GENERE INVIATO ALL’ONU

Di Angelica La Rosa

Il Ruth Institute ha inviato un memorandum sull’orientamento sessuale e l’identità di genere all’esperto delle Nazioni Unite che si occupa della materia.

“Non ci illudiamo di avere un impatto sull’esperto delle Nazioni Unite”, ha dichiarato la dottoressa Jennifer Roback Morse, Ph.D., presidente del Ruth Institute. ha detto. “Il suo mandato si basa sulla teoria secondo cui l’orientamento sessuale e l’identità di genere sono innate, cosa che rifiutiamo categoricamente. Ma è altrettanto chiaro che noi, e gruppi come noi, dobbiamo opporci all’ideologia di genere spinta dalla burocrazia delle Nazioni Unite”.

La dottoressa Morse si è dichiarata sicura che nei “paesi che hanno ratificato la Dichiarazione universale dei diritti umani delle Nazioni Unite nel 1948 non avrebbero mai immaginato che sarebbe arrivato il giorno in cui il concetto di uomo e donna sarebbe stato attaccato alle Nazioni Unite. L’orientamento sessuale e l’identità di genere sono il tentativo più ampio di riscrivere le leggi della natura e forzare l’adesione a un’ideologia di genere totalitaria”.

Nel memorandum mandato all’Onu dal Ruth Institute si legge:

1. Le politiche basate sull’orientamento sessuale e l’identità di genere sono esse stesse una forma di violenza e discriminazione contro le donne e le ragazze che desiderano mantenere la loro privacy, modestia e sicurezza fisica.

2. Le leggi sull’identità di genere eliminerebbero tutte le protezioni basate sul sesso per le donne e per le ragazze, il che ha richiesto decenni per essere raggiunte. Tra le altre cose, richiederebbe alle atlete di competere contro maschi biologici che affermano di essere femmine, con la forza, la resistenza, la velocità e l’agilità superiori a queste ultime.

3. Le leggi sull’orientamento sessuale e l’identità di genere richiederebbero ai medici e agli ospedali cattolici di fornire farmaci e interventi chirurgici “transgender” in violazione della loro libertà di coscienza.

4. Tali leggi criminalizzerebbero i ragionamenti etichettando la critica come una forma di pregiudizio.

5. L’identità di genere è anti-scientifico. Un uomo o una donna non possono cambiare il loro sesso, perché non possono alterare il loro DNA, indipendentemente da ciò che fanno al loro corpo con farmaci e interventi chirurgici.

6. Le politiche sull’orientamento sessuale e l’identità di genere sono un attacco alla famiglia. Gli attivisti spesso spingono per l’indottrinamento nelle scuole e nei media e per la “transizione” per i minori, spesso senza la conoscenza o il consenso dei genitori.

7. Le politiche sull’orientamento sessuale e l’identità di genere sono un attacco al cristianesimo e al giudaismo, che riconoscono che Dio ci ha creati maschio e femmina e che il sesso è inerente alla nostra natura. Gli ideologi dell’identità di genere credono che tali idee siano bigotte e incoraggiano la violenza contro i “transgender”.

8. Un regime di genere costringerebbe le persone a mentire sulla realtà fisica di uomini e donne e quindi corrompersi.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments