Il Green Pass anche sui trasporti pubblici? Un “ulteriore colpo al diritto allo studio”


A cura di Redazione

GREEN PASS SU TRASPORTO PUBBLICO, SECONDO IL COMITATO “ARTICOLO 26. FAMIGLIA E SCUOLA” SI TRATTA DI ULTERIORE COLPO AL DIRITTO ALLO STUDIO GIÀ COMPROMESSO DA DUE ANNI PROBLEMATICI DI GESTIONE DELLA “PANDEMIA”

Con le nuove restrizioni imposte dal Governo, centinaia di migliaia di ragazzi dai 12 anni di età dovranno esibire il green pass per accedere al trasporto pubblico locale (es. tram, metro, bus e treni regionali) indispensabile per recarsi a scuola, per non parlare degli altri spostamenti ordinari della vita sociale“, ha dichiarato Chiara Iannarelli, presidente del Comitato Articolo 26. Famiglia e Scuola, a fronte dell’introduzione della certificazione verde anche per l’accesso al trasporto pubblico locale.

Ciò comporterà – ha aggiunto la prof.ssa Iannarelli – un rischio gravissimo di discriminazione e un ulteriore colpo per il diritto allo studio dopo due anni di danni legati alla DAD e con circa 100 mila ragazzi, che si stima abbiano già abbandonato la scuola nei mesi della pandemia, soprattutto al sud e nelle zone del paese più disagiate e a rischio criminalità“.

Come genitori ci preoccupa anche il messaggio ‘educativo’ che sta passando: dopo anni di impegno per insegnare nelle famiglie e nella scuola il rispetto delle minoranze e delle differenze, oggi si rischia nei fatti di trasmettere l’idea che chi pensa diversamente – su temi peraltro delicatissimi e controversi – o chi non ha mezzi economici, non faccia parte della società, creando pericolosamente un capro espiatorio. Vogliamo ricordare al Governo che democrazia non significa dittatura della maggioranza in cui lo Stato possa escludere dal godimento di diritti fondamentali alcuni cittadini per una loro libera scelta che non costituisce reato: in democrazia la Repubblica è di tutti, della maggioranza e della minoranza“, ha concluso la presidente di Articolo 26.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments