Mons. Schneider: “unire tutte le forze prolife per formare l’esercito vincente di Maria”


di mons. Athanasius Schneider

ANCHE IL VESCOVO KAZAKO MONS. ATHANASIUS SCHNEIDER PARTECIPERÀ ALLA MANIFESTAZIONE PER LA VITA DI OGGI POMERIGGIO

È il tempo di unire tutte le forze prolife per formare l’esercito vincente di Maria contro tutte le forze del male nel mondo e nella Chiesa che continuano a promuovere l’aborto e l’eutanasia di massa e l’abominevole industria fetale con loro prodotti, tra quali anche alcuni vaccini.

Rimanere in silenzio, accettare la situazione dell’uso già diffuso di parti del corpo di bambini assassinati per esperimenti e scopi medici e giustificare questa ingiustizia con teorie comunque le si voglia chiamare, una grave omissione in un momento storico drammatico, in cui i cristiani dovrebbero invece alzarsi in piedi e proclamare al mondo intero: “Non accetteremo mai questa ingiustizia, anche se è già così diffusa in medicina!”.

Non è consentito trattare i nascituri, le vite delle persone più deboli e indifese del mondo intero, in un modo così degradante affinché i più forti, i già nati o gli adulti possono trarne un temporaneo beneficio per la salute.

Il sangue dei bambini non nati assassinati grida a Dio dai farmaci e dai vaccini che – non importa come – hanno usato i resti dei loro corpi.

Dobbiamo fare riparazione per questi crimini accumulati. Ascoltiamo il monito di Papa Giovanni Paolo II, che diceva: “L’uso degli embrioni o dei feti umani come oggetto di sperimentazione costituisce un delitto nei riguardi della loro dignità di esseri umani, che hanno diritto al medesimo rispetto dovuto al bambino già nato e ad ogni persona” (Enciclica Evangelium Vitae, 63).

Supplichiamo che attraverso l’intercessione del Cuore Immacolato di Maria l’umanità si converta e abbandoni questi crimini che gridano al cielo. Che il Signore sia propizio verso di noi! Kyrie eleison!

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments