Oggi il demonio vuole stabilire i parametri per la vita e la morte


di don Antonello Iapicca

NELL’ABORTO E NELL’EUTANASIA BISOGNA DISCERNERE LA MANO SUBDOLA E IPOCRITA DI SATANA

Chi ha sperimentato la sofferenza ed è accanto da decenni al dolore profondo sa che si tratta di grandi combattimenti perché la vita e la morte sono un mistero infinito.

Ma sa anche che tutti sono ammaestrati da Dio attraverso la Croce. Non si tratta di ergersi a giudici delle persone, ma di discernere la mano subdola e ipocrita del demonio.

Dove l’uomo arriva a decidere i “parametri” alla vita (aborto) e alla morte (eutanasia) è evidente l’opera satanica che ha come obbiettivo la dannazione delle persone, attirarle all’inferno, la sua patria.

E perché questo si realizzi si mette di traverso per impedire che Cristo ci attiri a sé, proprio sul letto del dolore, soprattutto quello apparentemente senza senso. Sprecato.

Perché è lì che l’uomo è spogliato di tutto e può davvero consegnarsi all’unico suo Salvatore. È su questo letto che si gioca il destino eterno, e per questo dobbiamo difendere ogni uomo dal demonio che gli vuole impedire l’incontro con Cristo, attraverso la perversa dittatura ideologica del pensiero unico dominante che respinge violentemente ogni idea diversa.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments