Web designer contro “nozze” gay, la Corte Suprema la difende

Web designer contro “nozze” gay, la Corte Suprema la difende

di Angelica La Rosa

IL COLORADO NON PUÒ COSTRINGERTI A CREARE SITI WEB CONTRO L’OPINIONE DEI REALIZZATORI

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che la Free Speech Clause del Primo Emendamento protegge una web designer del Colorado che temeva di essere perseguita ai sensi della legge statale contro la discriminazione per le sue obiezioni religiose alla progettazione di pagine web che promuovono il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Lorie Smith, proprietaria dello studio di progettazione grafica e web 303 Creative LLC, intentando la causa ha voluto proporre un’impugnazione preliminare all’applicazione di una legge anti-discriminazione del Colorado che include l’orientamento sessuale e l’identità di genere come classi protette.

In discussione davanti alla Corte Suprema era se costringere un artista a parlare o a rimanere in silenzio viola la clausola sulla libertà di parola del Primo Emendamento. La Corte non ha affrontato la questione se si tratti di una violazione della libertà religiosa o meno.

“In questo caso, il Colorado cerca di costringere una persona a parlare in un modo che sia in linea con le sue opinioni, ma sfida la sua coscienza su una questione di grande importanza”, ha detto il giudice Neil Gorsuch, che ha redatto la sentenza. “Ma, come questa Corte ha sostenuto a lungo, l’opportunità di pensare per noi stessi ed esprimere quei pensieri liberamente è una delle nostre libertà più care e parte di ciò che mantiene forte la nostra repubblica. Naturalmente, rispettare l’impegno della Costituzione per la libertà di parola significa che ci imbatteremo tutti in idee che troviamo ‘poco attraenti’, ‘sbagliate’ o addirittura ‘dannose’, ma la tolleranza, non la coercizione, è la risposta della nostra nazione. Il Primo Emendamento immagina l’America come un luogo ricco e complesso dove tutte le persone sono libere di pensare e parlare come desiderano, non come richiede il governo”.

La Smith era rappresentata dal gruppo legale Alliance Defending Freedom (ADF) e i suoi avvocati hanno sostenuto che la legge statale colpisce i professionisti creativi che hanno preoccupazioni religiose o morali per la creazione di contenuti che violano le loro convinzioni.

L’ADF descrive la decisione come una vittoria “storica”. “Più che una vittoria per Lorie Smith, questa è un’ampia vittoria per la libertà di parola per tutti gli americani”, hanno scritto su Twitter.

La decisione di Gorsuch ha invocato vari precedenti della Corte Suprema: gli studenti sono protetti dall’obbligo di salutare la bandiera americana e pronunciare il giuramento di fedeltà; una parata del giorno di San Patrizio a Boston non poteva essere forzata a includere un gruppo di gay, lesbiche e bisessuali; i boy scout non possono essere costretti a includere un uomo gay come capo scout.

La Conferenza episcopale degli Stati Uniti è stata una delle istituzioni che ha depositato memorie amicus curiae presso la Corte suprema degli Stati Uniti a favore della Smith.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments