“Sono stata spinta a credere che danneggiare il mio corpo fosse la risposta

“Sono stata spinta a credere che danneggiare il mio corpo fosse la risposta

di Angelica La Rosa

UNA GIOVANE DONNA DEL NORTH CAROLINA HA FATTO CAUSA AI MEDICI CHE L’HANNO AIUTATA A “CAMBIARE” SESSO

Una giovane donna del North Carolina ha fatto causa ai medici che l’hanno aiutata a “cambiare” sesso.

Prisha (Abigail) Mosley, 25 anni, una donna che ha cambiato sesso ed ha assunto il nome di Charlie, ha intentato nei giorni scorsi una causa presso la Corte Superiore della contea di Gaston, nella Carolina del Nord, in cui nomina come imputati i suoi terapisti, il suo medico, il suo chirurgo e i corrispondenti centri medici che hanno facilitato la sua transizione di genere medicalizzata durante la sua tarda adolescenza.

In quella che è la prima causa di questo tipo nella Carolina del Nord, la Mosley sostiene che i professionisti medici incaricati del suo benessere mentale e fisico durante i suoi anni formativi gli hanno causato innumerevoli danni prima, durante e dopo il suo intervento chirurgico. Inoltre accusa medici e collaboratori di avere commesso vari tipi di frode, negligenze, causato stress emotivo e utilizzato pratiche commerciali sleali e ingannevoli nel corso del trattamento della malattia mentale e durante il processo di riassegnazione del sesso.

La Mosley, che ha avuto problemi di salute mentale fin dall’infanzia, era stata aggredita sessualmente all’età di 14 anni e aveva subito un aborto spontaneo. All’età di 15 anni era stata ricoverata in ospedale per depressione. A 16 anni gli era stato diagnosticato un disturbo depressivo maggiore, un disturbo ossessivo-compulsivo e un disturbo alimentare. Aveva cominciato a manifestare segni di autolesionismo, cosa che l’aveva portata varie volte al pronto soccorso.

“Dall’età di 16 anni fino alla mia adolescenza e giovinezza, medici e consulenti mi hanno guidato lungo il percorso della ‘transizione di genere’ medicalizzata”, ha dichiarato Mosley in un editoriale del 20 luglio su Fox News. “Mi è stato detto che cambiare il mio corpo per assomigliare a quello di un ragazzo avrebbe curato i miei problemi mentali. Mi è stato detto che l’iniezione di grandi quantità di testosterone nel mio corpo femminile mi avrebbe fatto bene. Mi hanno anche incoraggiato a sottopormi a un intervento chirurgico per rimuovere il mio seno sano. Mi sono fidato di questi professionisti sanitari che sembravano prendersi cura di me. A causa di quella relazione di fiducia e della mia condizione vulnerabile, credevo a quello che dicevano e pensavo che mi stessero trattando correttamente”.

La Mosley dice che ora si rende conto che la “cura che afferma il genere” era tutt’altro. “Invece di affrontare i miei seri problemi di salute mentale e aiutarmi a sentirmi a mio agio nel mio corpo femminile, i miei medici e consulenti mi hanno spinto a credere che danneggiare il mio corpo fosse la risposta”.

A Fox News la donna ha detto che la sua voce è cambiata irrevocabilmente, prova dolore dove prima c’erano i suoi seni e ha avuto forti dolori alle spalle, al collo e all’area genitale. “Anni di assunzione di testosterone hanno impedito al mio corpo di svilupparsi come dovrebbe. Ciò mi ha causato una significativa atrofia vaginale e l’impossibilità di avere rapporti sessuali”.

La Mosley ha spiegato che sta condividendo la sua storia per avvertire gli altri di ciò che sta accadendo negli Stati Uniti. “Ho testimoniato davanti ai legislatori e ai comitati statali per spiegare la necessità di proteggere le persone vulnerabili come me”.

Vuole anche proteggere gli adolescenti problematici che, come lei, cercano appartenenza e accettazione. “Sappiano che possono essere accettati per quello che sono. Cercare di cambiare il tuo corpo non ti aggiusterà. Ti spezzerà. Non devi cambiare il tuo corpo per accontentare nessuno, men che meno gli operatori sanitari che traggono profitto finanziariamente dal metterti sulla strada dell’assistenza sanitaria per tutta la vita”.

“Ci sono molti giovani vulnerabili che attraversano circostanze simili e sono sottoposti allo stesso tipo di trattamento”, ha detto l’avvocato Anthony Biller, di Raleigh, North Carolina. “È imperativo che i professionisti medici aderiscano a standard appropriati quando trattano i giovani”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments