Un cambiamento storico nell’Energia Nucleare e l’Italia resta al palo!

Un cambiamento storico nell’Energia Nucleare e l’Italia resta al palo!

di Giorgio Grisorio

LA BANCA MONDIALE SOSTENGA L’ENERGIA NUCLEARE NELLE POLITICHE DI PRESTITI ENERGETICI

Nell’ambito della 28ª conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP 28) del 2023 a Dubai, più di 20 paesi hanno concordato un traguardo storico: triplicare la capacità globale dell’energia nucleare entro il 2050. Questo impegno mira a cambiare la percezione negativa che ha circondato l’energia nucleare dagli incidenti di Chernobyl e Fukushima. Tuttavia, la Spagna ha preso una posizione diversa, autoescludendosi dall’accordo insieme alla Germania. Quali sono le implicazioni di questa decisione?

Durante la COP28, paesi come Stati Uniti, Francia, Regno Unito, Canada e Giappone, tra gli altri, hanno concordato di lavorare insieme per triplicare la capacità produttiva dell’energia nucleare. Questo cambiamento segna la fine di decenni di demonizzazione di questa fonte energetica e sottolinea la necessità di diversificare le strategie per combattere il cambiamento climatico.

Anche se più di 20 nazioni hanno sostenuto l’aumento dell’energia nucleare, Spagna e Germania hanno scelto di non firmare l’accordo. Questi due paesi, unici al mondo con centrali nucleari, hanno deciso di chiudere i loro impianti, sfidando così la tendenza globale. La domanda chiave è: quali sono le ragioni dietro questa decisione e quale impatto può avere sui loro obiettivi climatici?

I paesi firmatari hanno esteso l’invito a entità finanziarie come la Banca Mondiale per sostenere l’energia nucleare nelle politiche di prestiti energetici. Questo appello evidenzia il ruolo cruciale che l’energia nucleare può svolgere per raggiungere zero emissioni nette e realizzare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Inoltre, l’intervento del presidente del Paraguay alla COP28 aggiunge una prospettiva unica sull’approccio equo alle sfide climatiche. Il Paraguay, con il 100% della sua energia pulita e rinnovabile, si presenta come un esempio da seguire nella ricerca di uno sviluppo sostenibile senza influenzare eccessivamente la situazione energetica attuale.

La decisione della Spagna di autoescludersi dall’accordo per potenziare l’energia nucleare evidenzia la complessità delle strategie nazionali nella transizione energetica.

Mentre alcuni paesi scommettono sul nucleare come componente chiave, altri, come la Spagna, cercano alternative. Qual sarà la via più efficace per affrontare il cambiamento climatico? La risposta potrebbe definire il futuro dell’energia e delle tariffe della luce a livello mondiale. In un mondo sempre più consapevole della necessità di soluzioni sostenibili, la diversificazione delle fonti energetiche si presenta come la chiave per un futuro più verde e resiliente.

 

Fonte: https://www.prontobolletta.it/

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments