Esclusivo, l’Arcivescovo Bubniy: “il moderno ‘Erode’ di Mosca è venuto a uccidere i bimbi innocenti dell’Ucraina”

Esclusivo, l’Arcivescovo Bubniy: “il moderno ‘Erode’ di Mosca è venuto a uccidere i bimbi innocenti dell’Ucraina”

di Pietro Licciardi

INTERVISTA A SUA ECCELLENZA MYKHAYLO BUBNIY (CSSR), ESARCA ARCIVESCOVILE DELL’ESARCATO CATTOLICO UCRAINO DI ODESSA

Informazione Cattolica ha intervistato i rappresentanti delle tre maggiori confessioni religiose ucraine: cattolica, ortodossa del patriarcato di Kiev e greco ortodossa. Pubblichiamo di seguito le risposte di sua Eccellenza Mykhaylo Bubniy, redentorista e Esarca arcivescovile dell’Esarcato ucraino di Odessa.

 Eccellenza, quali sono le dimensioni della chiesa greco-cattolica in Ucraina?

«Oggi in Ucraina l’Ugcc conta quattro metropolie, quattro arcidiocesi, sette  eparchie e cinque esarcati. La metropolia di Kyiv-Halych comprende: Arcidiocesi di Kyiv, esarcati di Lutsk, Donetsk, Odesa, Kharkiv e Crimea. La Metropolia di Lviv comprende: Archeparchia di Leopoli, diocesi di Sokal-Zhovkva, Sambir-Drohobych e Stryi. La Metropolia di Ivano-Frankivsk comprende: Archeparchia di Ivano-Frankivsk, Eparchie di Kolomyia e Chernivtsi, mentre la Metropolia di Ternopil-Zboriv comprende: L’arcidiocesi di Ternopil-Zboriv e le diocesi di Buchach e Kamianets-Podilskyi. Il numero delle parrocchie è di circa tremila, il numero del clero è circa lo stesso, il numero totale di persone consacrate in Ucraina è di circa milletrecento e i fedeli sono circa cinque milioni. Per quanto riguarda il numero di persone, questi dati erano rilevanti prima dell’invasione russa su larga scala dell’Ucraina. Dopo una emigrazione molto ampia di persone, la situazione è cambiata in modo significativo e attualmente è difficile parlare di statistiche riguardanti i fedeli della nostra Chiesa».

 Quali erano prima della guerra i rapporti tra voi, i cattolici latini e gli ortodossi del patriarcato di Kiev?

«Quando ho iniziato il mio ministero episcopale nel 2014, ho costatato che qui a Odesa esisteva già un’ottima collaborazione ecumenica tra diverse denominazioni: Chiesa Orthodossa Ucraina, la Chiesa Cattolica Romana, i Luterani, i Battisti, gli Evangelici, i Pentecostali e altri. Ogni anno, su invito del vescovo cattolico Bronislaw Bernacki, ci riuniamo per eventi comuni presso la Chiesa cattolica romana dell’Assunzione della Beata Vergine Maria, come la giornata di preghiera per l’unità dei cristiani, in cui abbiamo celebrato un servizio di preghiera e letto insieme petizioni ecumeniche, e la preghiera comune della Via Crucis del Venerdì Santo secondo il calendario gregoriano. Inoltre, ci siamo incontrati in varie occasioni di feste nazionali presso i monumenti commemorativi, dove ognuno di noi ha detto una preghiera o una parola spirituale. Di tanto in tanto ci riunivamo per discutere di problemi di servizio sociale, di come migliorare la cooperazione della Chiesa con i gruppi sociali, spesso poveri e svantaggiati, e di come prevenire le manifestazioni anticristiane rilasciando dichiarazioni congiunte alle agenzie governative. Si può dire che in generale i rapporti erano molto fraterni, buoni e costruttivi».

Cosa ha cambiato il conflitto nei rapporti tra le tre chiese ucraine?

«Non ho notato che la guerra scatenata dalla Federazione Russa contro l’Ucraina abbia in qualche modo intaccato le nostre relazioni precedenti. Al contrario, la guerra ha ulteriormente unito i nostri sforzi nella preghiera e nella lotta contro l’ingiustizia e l’aggressione russa. Continuiamo a collaborare, a riunirci per le preghiere comuni, forse non così spesso come prima, perché la pandemia di coronavirus ci ha limitato in questo, e la guerra ha aggiunto ancora più instabilità al nostro ministero di vescovi, date le sfide urgenti della crisi umanitaria, ma continuiamo ad avere buone relazioni e cooperazione. Il mio rapporto e quello dei miei sacerdoti con il vescovo cattolico Stanislav Shyrokoradiuk e i suoi confratelli nel sacerdozio sono particolarmente stretti perché apparteniamo a una grande famiglia della Chiesa cattolica e abbiamo l’opportunità di celebrare la Divina Liturgia sullo stesso altare. Questa è una grande ricchezza, che sfruttiamo in ogni occasione di grandi feste ecclesiastiche o celebrazioni del tempio».

L’esarcato di Odessa, Kharkiv e Donetsk si trovano in prima linea e parte del territorio è sotto occupazione russa, cosa comporta questa situazione per la vostra chiesa?

«Questa situazione ha creato sfide molto serie per la nostra Chiesa. Fin dall’inizio della guerra in Ucraina, il nostro esarcato ha sofferto molto seriamente. Nella regione di Kherson, due dei nostri cinque decanati sono rimasti sotto occupazione: Kherson e Skadovsk. La situazione umanitaria sul territorio dell’Esarcato è stata molto difficile nei primi giorni di guerra, poiché tutto si è bloccato. La gente cominciò ad andarsene in massa, i negozi, gli impianti, le fabbriche iniziarono a chiudere, le persone persero i loro beni e il lavoro. C’era anche una grande paura delle truppe russe, che iniziarono a occupare in massa i territori ucraini, uccidendo e distruggendo tutto ciò che trovavano sul loro cammino. La situazione era molto difficile, ma io e i miei sacerdoti decidemmo di non lasciare il nostro luogo di servizio a meno che non ci fosse una minaccia diretta per le nostre vite. Avremmo concentrato tutti i nostri sforzi per aiutare a risolvere il più possibile la crisi umanitaria. Io e i miei sacerdoti abbiamo iniziato ad allestire centri umanitari in ciascuna delle nostre parrocchie per aiutare i rifugiati e gli sfollati interni che sono fuggiti in gran numero dalle zone di guerra, cercando rifugio in città e villaggi più sicuri dell’Ucraina. Abbiamo cercato e portato aiuti umanitari soprattutto dalla Galizia e dalla diaspora, e in questo modo abbiamo parzialmente risolto la difficilissima situazione umanitaria in Ucraina dovuta all’aggressione militare della Federazione Russa. Ciascuna delle nostre parrocchie è stata tra le prime a organizzare centri umanitari, che hanno iniziato ad aiutare le persone bisognose soprattutto con pacchi alimentari, acqua e prodotti per l’igiene, dato che tutti i negozi erano chiusi. Parlando del territorio occupato dell’Esarcato di Odesa, all’inizio dell’invasione militare russa, i miei sacerdoti sposati hanno iniziato a portare le loro mogli e i loro figli nella parte occidentale dell’Ucraina, più sicura, ma non hanno avuto il tempo di tornare alle loro parrocchie, poiché c’erano battaglie feroci e le parrocchie erano occupate dalle truppe russe. Tuttavia, alcuni sacerdoti, soprattutto monaci e un sacerdote sposato, rimasero nell’occupazione e non se ne andarono, e lì iniziarono anche a occuparsi di questioni umanitarie e a pregare nelle chiese insieme ai fedeli. I sacerdoti che non hanno avuto il tempo di tornare nelle loro parrocchie aiutano i loro fedeli a distanza e non solo. Inviano fondi ai parrocchiani e ai volontari, che a loro volta acquistano cibo, assemblano pacchi alimentari e li distribuiscono a tutti i bisognosi. Nella città di Beryslav, ad esempio, nonostante la guerra, le attività della cucina di carità non si sono fermate, ma anzi hanno ampliato le loro capacità fornendo pasti a più di 100-130 persone ogni giorno. La particolarità di questa cucina di beneficenza è che l’edificio stesso della chiesa è diventato una “cuccina”, un luogo dove la gente si riunisce, prega e mangia».

L’esarcato di Odessa conta circa 100 mila battezzati, quali sono le attuali condizioni di vita materiali e soprattutto spirituali dei vostri fedeli?

«Purtroppo devo smentire questa cifra di battezzati appartenenti all’Esarcato di Odesa, perché c’è stato un errore nelle statistiche dell’Annuario Pontificio. Prima della guerra, l’Esarcato di Odesa aveva circa 10.000 fedeli, ma ora è difficile determinare il numero perché c’è stata una migrazione molto grande di persone a causa della guerra, e a causa dell’occupazione, sei delle nostre parrocchie sono state chiuse. Pertanto, la situazione delle statistiche è complicata. Per quanto riguarda la vita spirituale dei nostri fedeli, essi continuano a ricevere la cura spirituale della Chiesa, perché nella parte non occupata dell’Ucraina, i sacerdoti non hanno lasciato i loro fedeli per un momento e hanno continuato il loro ministero, amministrando i sacramenti e predicando la Parola di Dio, inoltre, insieme ai fedeli, sono diventati ancora più attivi nella preghiera e nel servizio sociale in vista della guerra. Parlando delle condizioni materiali dei nostri fedeli, è difficile immaginare quanto sia difficile in tempi di guerra, ma ringraziamo Dio per i nostri partner e donatori, attraverso i quali possiamo aiutare le persone più vulnerabili che hanno perso il lavoro e persino la casa. Di giorno in giorno, speriamo che questo orrore di guerra finisca, che l’aggressore russo alla fine si indebolisca e cessi la sua violenza contro lo Stato libero e indipendente dell’Ucraina. Crediamo che la comunità internazionale non si stancherà di aiutarci a sconfiggere il moderno “Erode di Mosca” che è venuto a uccidere e sterminare i bambini innocenti dell’Ucraina».

L’Esarcato ha lanciato l’iniziativa “Guarigione dalle ferite di guerra” rivolta ai cappellani e ai medici. Può spiegarci in breve di che si tratta è quali sono le finalità?

«La guerra ha portato molte ferite spirituali, mentali e fisiche a diversi segmenti della popolazione, così il Sinodo dei vescovi dell’Ugcc ha concordato un intero programma per la nostra Chiesa, non solo per l’esarcato. Questo programma è stato sviluppato dalla nostra Commissione per la Salute e si chiama, come avete giustamente notato, “Guarire le ferite della guerra”. Con questo programma intendiamo coinvolgere, innanzitutto, tutto il clero e i monaci della nostra Chiesa, affinché abbiano una conoscenza minima di come lavorare con le persone che hanno sofferto di disturbi da stress post-traumatico durante la guerra. Il programma ha una durata di tre giorni: due giorni di formazione intensiva e il terzo giorno di test e rilascio dei certificati. L’obiettivo di questo programma è di formare il clero e i monaci nelle specificità del lavoro con i parrocchiani e le parrocchiane durante e dopo la guerra; sviluppare la capacità di sostenere la resilienza psicologica degli ucraini di fronte alle sfide della guerra, identificare i problemi/disturbi di salute mentale, in primo luogo quelli legati alle sfide della guerra – sindrome da stress post-traumatico, depressione, disturbi d’ansia; Fornire supporto e orientamento pastorale e garantire il rinvio a un aiuto professionale appropriato; fornire supporto e orientamento pastorale a individui e famiglie che affrontano le sfide speciali della guerra: lutto, sfollamento forzato, esperienza di eventi traumatici, uno dei loro parenti è disperso o in cattività, disabilità fisica, ecc. Comprendere le peculiarità della risposta delle persone a queste sfide e le possibili difficoltà di adattamento, che possono portare a disturbi mentali in futuro; applicare alcune tecniche e approcci psicologici che possono essere utili nel sostegno pastorale; conoscere le peculiarità del sostegno ai bambini e ai giovani e del sostegno pastorale ai loro genitori. Tutto questo dovrebbe aiutare i nostri pastori a rispondere in modo tempestivo e appropriato alle sfide della loro assistenza pastorale durante e dopo la guerra».

Cosa può dirci del vostro rapporto con la Chiesa di Roma – impegnata nel sinodo – e con l’attuale Papa Francesco?

«Le relazioni della nostra Chiesa con la Sede Apostolica sono sempre state e rimangono molto strette. Noi, come una delle Chiese cattoliche orientali sui iuris, siamo molto attenti alle iniziative della Chiesa universale perché ne facciamo parte. Nostra Beatitudine Sviatoslav, insieme ai delegati del nostro Sinodo dell’Ugcc, ha partecipato attivamente al Sinodo pontificio sulla sinodalità. Insieme alla Chiesa universale, noi, come Chiesa, partecipiamo al percorso sinodale che il Santo Padre ha impostato per l’intera Chiesa cattolica. E le nostre relazioni con l’attuale Papa Francesco sono molto amichevoli e calorose. Certo, non sempre ci piacciono alcune sue dichiarazioni sulla guerra in Ucraina, soprattutto sulla riconciliazione tra i due popoli, perché l’Ucraina sta “sanguinando”, e il motivo è il governo di Mosca e della Federazione Russa con la sua politica aggressiva, la propaganda e le bugie totali sulla loro cosiddetta operazione speciale. Non si tratta di un’operazione speciale, ma di una guerra su larga scala che distrugge intere città e villaggi, distrugge le infrastrutture civili dello Stato indipendente dell’Ucraina e mira a impadronirsi del suo territorio e a distruggere la nazione in quanto tale. Pertanto, è assolutamente inappropriato parlare di una sorta di conflitto e cercare di riconciliarci con l’aggressore. Dobbiamo dire apertamente la verità sull’astuto attacco armato all’Ucraina e chiedere alla Russia di porre fine alla sua guerra e all’aggressione contro l’Ucraina. La fine di questo spargimento di sangue dipende da una persona al Cremlino, Vladimir Putin, e dalla sua sola decisione di porre fine alla guerra. Dobbiamo parlarne e non avere paura di parlarne apertamente al Santo Padre, senza giocare con la politica e la diplomazia».

Quest’anno la Chiesa greco-cattolica ha celebrato il Natale il 25 dicembre. Qual è la reazione generale dei fedeli e dei sacerdoti a questo cambiamento?  Si aspetta degli effetti positivi da questo cambiamento e, se sì, quali sono?

«Con grande sorpresa dei vescovi dell’Ugcc, la riforma del calendario liturgico è stata accolta con grande gioia e favore dal clero, dai monaci e dai fedeli della nostra Ugcc. Tutte le nostre parrocchie, ad eccezione di una parrocchia della regione di Kharkiv, hanno dichiarato di essere pronte ad accettare la riforma del calendario e a celebrare il Natale secondo il calendario gregoriano il 25 dicembre. In questo modo, siamo tornati alla giustizia storica, quando la nostra Ugcc celebrava il Natale il 25 dicembre fino al 1918. Per quanto riguarda gli effetti positivi di questa riforma, vi sono in primo luogo, la celebrazione del Natale avverrà insieme a tutta la Chiesa cattolica nello stesso giorno; in secondo luogo, la vita ecclesiale e sociale finirà per seguire lo stesso calendario, quello gregoriano».

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments