Concerto con i solisti del Teatro Nazionale di Odessa in fuga dall’Ucraina


di Lucilla Denti

LA MUSICA DI PERGOLESI PER COSTRUIRE UN PONTE DI AMICIZIA TRA MILANO E ODESSA: “ABBIAMO BISOGNO DI DIALOGO E DI FERMARE LE ARMI, LA MUSICA CE LO RICORDA. QUESTO PIÙ CHE UN CONCERTO VUOLE ESSERE UNA MANIFESTAZIONE PER LA PACE 

Il Centro PIME di Milano ospiterà domani mattina i solisti del Teatro nazionale di Odessa, in fuga dall’Ucraina, per dire No alla guerra attraverso la musica. Le note dello Stabat Mater di Giovanni Battista Pergolesi (1710-1736) risuoneranno nella casa dei missionari come accorato appello di pace.

Dal Centro PIME conoscono in effetti le dinamiche e le conseguenze della guerra e della povertà perché le condividono dal 1850 insieme a tanti popoli e culture del mondo. Per questo hanno accolto immediatamente l’invito della Scuola di Musica Cluster di Milano e del maestro Alberto Veronesi, direttore d’orchestra e musicista, che ha ideato questo scambio culturale per far sentire la vicinanza del nostro Paese al popolo ucraino in questo momento difficile, coinvolgendo alcuni artisti in fuga dai bombardamenti e dalla violenza.

Abbiamo bisogno di dialogo e di fermare le armi – afferma Veronesi – e la musica ce lo ricorda. Questo più che un concerto vuole essere una manifestazione per la pace“. Sarà la musica di Pergolesi a costruire questo ponte di amicizia tra Milano e Odessa, nell’esibizione del soprano Haiane Arutiunian e del mezzosoprano Olha Kreps, con interventi della solista di ballo Katerina Burdik.

Il nostro Centro Missionario – afferma Andrea Zaniboni direttore artistico del PIME – è già da alcune settimane un punto di raccolta per materiali specifici di cui c’è urgente bisogno in Ucraina e abbiamo chiesto a tutti i nostri amici, benefattori e frequentatori di donare quello che possono per aiutare un popolo in difficoltà, ferito dall’ennesima guerra. Il concerto di domani ci rimanda a un’altra dimensione, quella più espressiva della nostra comune umanità: la musica, l’arte, la bellezza. Queste, da sempre, sono vie prioritarie perché ci ricordano ciò di cui siamo capaci se solo facessimo tacere le rivalità e la banalità del male“.

L’appuntamento è dunque per domani, mercoledì 30 Marzo, alle ore 11.30 presso il Centro PIME di Milano, ingresso da via Mosè Bianchi 94, Sala Girardi. Ingresso libero con prenotazione chiamando allo 02 438201 oppure compilando il form online su www.centropime.org.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments