La maggior parte dei vescovi anglicani rifiuta il primato di Welby, affermando che benedire le unioni omosessuali è blasfemo

La maggior parte dei vescovi anglicani rifiuta il primato di Welby, affermando che benedire le unioni omosessuali è blasfemo

di Sabina Righetti

RAPPRESENTANO L’85% DEGLI ANGLICANI NEL MONDO

La maggior parte dei vescovi anglicani rifiuta il primato di Welby, affermando che benedire le unioni omosessuali è blasfemo La decisione della “Chiesa” inglese di benedire le coppie dello stesso sesso, quindi, continua a risuonare in tutta la Comunione anglicana globale. Un recente raduno globale di importanti leader anglicani non britannici, tenutosi in Ruanda, ha appunto definito la mossa della “Chiesa madre” come “pastoralmente fuorviante e blasfema”.

Durante l’incontro molti hanno espresso la loro totale rottura con l’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, e hanno chiesto a lui, e alla Chiesa d’Inghilterra, di pentirsi della loro decisione.

“Nonostante 25 anni di continui avvertimenti da parte della maggior parte dei primati anglicani, ripetuti allontanamenti dall’autorità della Parola di Dio hanno lacerato il tessuto della Comunione. Questi avvertimenti sono stati palesemente e volontariamente ignorati e ora, senza pentimento, questo strappo non può essere riparato”, hanno affermato i delegati attraverso una dichiarazione al termine della quarta Global Anglican Future Conference (GAFCON) della World Fellowship of Confessing Anglicans.

Ricordiamo che lo scorso febbraio il sinodo generale della Chiesa d’Inghilterra aveva votato per benedire le coppie dello stesso sesso nei matrimoni civili. Oggi la dichiarazione del GAFCON ha definito la mossa come “un altro allontanamento” dall’autorità biblica che danneggia la Comunione anglicana e “addolora lo Spirito Santo e noi”, I delegati non riescono a capire come la Chiesa d’Inghilterra sia così “determinata a benedire il peccato”, “Il Signore non benedice le unioni tra persone dello stesso sesso, è pastoralmente fuorviante e blasfemo fabbricare preghiere che invocano la benedizione nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo”.

La World Fellowship of Confessing Anglicans ha circa 40 milioni di membri. Tra le sue chiese c’è la Chiesa anglicana del Nord America, ma le sue più grandi chiese nazionali – comprese quelle in Nigeria, Uganda e Kenya – sono africane e sono da tempo membri della Comunione anglicana. L’incontro GAFCON, tenutosi a Kigali, in Ruanda, ha riunito 1.302 delegati provenienti da 52 paesi, di cui 315 vescovi, 456 sacerdoti e 531 laici. La sua dichiarazione finale si chiama “Impegno di Kigali”. La Comunione anglicana globale è composta da 42 chiese anglicane in tutto il mondo e da circa 80 milioni di membri. Il suo incontro principale è la Conferenza di Lambeth.

“Le dichiarazioni pubbliche dell’arcivescovo di Canterbury e di altri leader della Chiesa d’Inghilterra a sostegno delle benedizioni per persone dello stesso sesso sono un tradimento dei loro voti di ordinazione e consacrazione per bandire l’errore e sostenere e sostenere la verità insegnata nella Scrittura”, hanno affermato i delegati attraverso la dichiarazione GAFCON. Le parole del primate anglicano vanno anche contro una risoluzione della Conferenza di Lambeth del 1998 che dichiarava che “la pratica omosessuale è incompatibile con le Scritture” e sconsigliava di legittimare o benedire le unioni tra persone dello stesso sesso.

Dalla GAFCON hanno affermato di non avere “alcuna fiducia che l’arcivescovo di Canterbury né gli altri strumenti di comunione da lui guidati [la Conferenza di Lambeth, il Consiglio consultivo anglicano e le riunioni dei primati] saranno in grado di fornire un cammino divino in avanti che sia accettabile per coloro che sono impegnati nella veridicità, chiarezza, sufficienza e autorità della Scrittura”.

La dichiarazione afferma che i successivi arcivescovi di Canterbury “non sono riusciti a mantenere la fede invitando a Lambeth vescovi che hanno abbracciato o promosso pratiche contrarie alla Scrittura. Il fallimento nella disciplina della chiesa è stato aggravato dall’adozione da parte dell’attuale arcivescovo di Canterbury di pratiche di benedizione non scritturali”. La conferenza GAFCON ha affermato che questo “rende il suo ruolo di leadership nella Comunione anglicana totalmente indifendibile. Desideriamo ardentemente questo pentimento, ma finché non si pentono, la nostra comunione con loro rimane interrotta. Crediamo che coloro che rifiutano di pentirsi abbiano abdicato al loro diritto alla leadership all’interno della Comunione anglicana e ci impegniamo a lavorare con i primati ortodossi e altri leader per riportare la comunione alle sue fondamenta bibliche”.

Ai primati delle principali chiese GAFCON si sono uniti i primati della Global Fellowship of Southern Anglican Churches (GSFA). Collettivamente, secondo la dichiarazione di Kigali, questi leader anglicani rappresentavano circa l’85% degli anglicani nel mondo. La GSFA, creata nel 1994, è composta da 14 delle 25 province anglicane in aree come l’Africa e l’Oceania. Sostiene di rappresentare la stragrande maggioranza degli anglicani del mondo: fino al 75%, cioè circa 64 milioni di anglicani. Il GSFA è presieduto dall’Arcivescovo Justin Badi Arama, Primate del Sud Sudan.

“Sia i primati GSFA che GAFCON condividono l’opinione che, a causa delle deviazioni dall’ortodossia sul matrimonio, la visione biblica dell’unione di un uomo e una donna, non possono più riconoscere l’arcivescovo di Canterbury come strumento di comunione, il ‘primo tra pari’ dei primati. La Chiesa d’Inghilterra ha scelto di deteriorare i suoi rapporti con le province ortodosse della comunione”, affermano dal GAFCON.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments